Pagina:Gerusalemme liberata I.djvu/139

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

CANTO QUARTO. 121

LXXVII.


     Questo finto dolor da molti elíce
Lagrime vere, e i cor più duri spetra.
Ciascun con lei s’affligge, e fra se dice:
612Se mercè da Goffredo or non impetra,
Ben fu rabbiosa tigre a lui nutrice,
E ’l produsse in aspr’alpe orrida pietra,
O l’onda che nel mar si frange e spuma:
616Crudel, che tal beltà turba e consuma.

LXXVIII.


     Ma il giovinetto Eustazio, in cui la face
Di pietade e d’amore è più fervente,
Mentre bisbiglia ciascun altro, e tace,
620Si tragge avanti, e parla audacemente:
O germano e Signor, troppo tenace
Del suo primo proposto è la tua mente;
Se al consenso comun che brama e prega,
624Arrendevole alquanto or non si piega.

LXXIX.


     Non dico io già, che i Principi, che a cura
Si stanno quì de’ popoli soggetti,
Torcano il piè dalle oppugnate mura,
628E sian gli uficj lor da lor negletti:
Ma fra noi che guerrier siam di ventura,
Senza alcun proprio peso, e meno astretti
Alle leggi degli altri, elegger diece
632Difensori del giusto a te ben lece.