Pagina:Gerusalemme liberata I.djvu/199

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

CANTO SESTO. 175

XLVII.


     Tancredi, in se raccolto, attende invano
Che de’ gran colpi la tempesta passi.
Or v’oppon le difese, ed or lontano
372Sen va co’ giri, e co’ maestri passi.
Ma poichè non s’allenta il fier Pagano,
È forza alfin che trasportar si lassi:
E cruccioso egli ancor con quanta puote
376Violenza maggior la spada rote.

XLVIII.


     Vinta dall’ira è la ragione e l’arte,
E le forze il furor ministra, e cresce.
Sempre che scende il ferro, o fora o parte,
380O piastra, o maglia: e colpo invan non esce.
Sparsa è d’arme la terra, e l’arme sparte
Di sangue, e ’l sangue col sudor si mesce.
Lampo nel fiammeggiar, nel romor tuono,
384Fulmini nel ferir le spade sono.

XLIX.


     Questo popolo e quello incerto pende
Da sì nuovo spettacolo ed atroce:
E fra tema, e speranza il fin n’attende,
388Mirando or ciò che giova, or ciò che nuoce:
E non si vede pur, ne pur s’intende
Picciol cenno fra tanti, o bassa voce;
Ma se ne sta ciascun tacito e immoto,
392Se non se inquanto ha il cor tremante in moto.