Pagina:Gerusalemme liberata I.djvu/289

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

CANTO OTTAVO. 261

LIX.


     Alfin questi sull’alba i lumi chiuse:
Nè già fu sonno il suo queto e soave;
Ma fu stupor, ch’Aletto al cor gl’infuse,
468Non men che morte sia, profondo e grave.
Sono le interne sue virtù deluse,
E riposo dormendo anco non ave;
Chè la furia crudel gli s’appresenta
472Sotto orribili larve, e lo sgomenta.

LX.


     Gli figura un gran busto, ond’è diviso
Il capo, e della destra il braccio è mozzo:
E sostien con la manca il teschio inciso,
476Di sangue e di pallor, livido e sozzo.
Spira, e parla spirando il morto viso,
E ’l parlar vien col sangue, e col singhiozzo:
Fuggi Argillan, non vedi omai la luce?
480Fuggi le tende infami, e l’empio Duce.

LXI.


     Chi dal fero Goffredo, e dalla frode
Ch’uccise me, voi cari amici affida?
D’astio dentro il fellon tutto si rode,
484E pensa sol come voi meco uccida.
Pur, se cotesta mano a nobil lode
Aspira, e in sua virtù tanto si fida,
Non fuggir nò: plachi il Tiranno esangue
488Lo spirto mio col suo malvagio sangue.