Pagina:Gerusalemme liberata I.djvu/316

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
286 LA GERUSALEMME

XLIV.


     Odi qual novo strepito di Marte
Di verso il colle e la Città ne viene?
D’uopo là fia che ’l tuo valore e l’arte
348I primi assalti de’ nemici affrene.
Vanne tu dunque, e là provvedi, e parte
Vuò che di questi miei teco ne mene:
Con gli altri io me n’andrò dall’altro canto
352A sostener l’impeto ostíle intanto.

XLV.


     Così fra lor concluso, ambo gli move
Per diverso sentiero egual fortuna.
Al colle Guelfo, e ’l Capitan va dove
356Gli Arabi omai non han contesa alcuna.
Ma questi, andando, acquista forze, e nove
Genti di passo in passo ognor raguna:
Talchè, già fatto poderoso e grande,
360Giunge ove il fero Turco il sangue spande.

XLVI.


     Così scendendo dal natío suo monte
Non empie umile il Po l’angusta sponda;
Ma sempre più, quanto è più lunge al fonte,
364Di nuove forze insuperbito abbonda.
Sovra i rotti confini alza la fronte
Di tauro, e vincitor d’intorno inonda:
E con più corna Adria respinge; e pare
368Che guerra porti, e non tributo al mare.