Pagina:Gerusalemme liberata I.djvu/87

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

CANTO TERZO. 69

V.


     Al gran piacer che quella prima vista
Dolcemente spirò nell’altrui petto,
Alta contrizion successe, mista
36Di timoroso e riverente affetto.
Osano appena d’innalzar la vista
Ver la Città, di Cristo albergo eletto;
Dove morì, dove sepolto fue,
40Dove poi rivestì le membra sue.

VI.


     Sommessi accenti, e tacite parole,
Rotti singulti, e flebili sospiri
Della gente, che in un s’allegra, e duole,
44Fan che per l’aria un mormorio s’aggiri;
Qual nelle folte selve udir si suole,
S’avvien che tra le frondi il vento spiri:
O quale infra gli scoglj, o presso ai lidi
48Sibila il mar, percosso, in rauchi stridi.

VII.


     Nudo ciascuno il piè calca il sentiero;
Chè l’esempio de’ Duci ogni altro move.
Serico fregio o d’or, piuma o cimiero
52Superbo dal suo capo ogn’un rimove:
Ed insieme del cor l’abito altero
Depone, e calde e píe lagrime piove.
Pur, quasi al pianto abbia la via rinchiusa,
56Così parlando ogn’un se stesso accusa: