Pagina:Gerusalemme liberata II.djvu/119

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

CANTO DECIMOQUARTO. 101

XVII.


     Guelfo ti pregherà (Dio sì l’inspira)
Ch’assolva il fier garzon di quell’errore
In cui trascorse per soverchio d’ira;
132Sicchè al campo egli torni, ed al suo onore:
E bench’or lunge il giovine delira,
E vaneggia nell’ozio e nell’amore;
Non dubitar però che in pochi giorni,
136Opportuno al grand’uopo, ei non ritorni.

XVIII.


     Chè ’l vostro Piero, a cui lo Ciel comparte
L’alta notizia de’ secreti sui,
Saprà drizzare i messaggieri in parte
140Ove certe novelle avran di lui.
E sarà lor dimostro il modo e l’arte
Di liberarlo, e di condurlo a vui.
Così alfin tutti i tuoi compagni erranti
144Ridurrà il Ciel sotto i tuoi segni santi.

XIX.


     Or chiuderò il mio dir con una breve
Conclusion che so ch’a te fia cara.
Sarà il tuo sangue al suo commisto: e deve
148Progenie uscirne gloriosa e chiara.
Quì tacque, e sparve come fumo leve
Al vento, o nebbia al Sole arida e rara:
E sgombrò il sonno, e gli lasciò nel petto
152Di gioja e di stupor confuso affetto.