Pagina:Gerusalemme liberata II.djvu/95

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

CANTO DECIMOTERZO. 79

XXXV.


     Pur l’oste che dirà se indarno i’ riedo?
Qual’altra selva ha di troncar speranza?
Nè intentato lasciar vorrà Goffredo
276Mai questo varco; or s’oltre alcun s’avanza?
Forse l’incendio, che quì sorto i’ vedo,
Fia d’effetto minor che di sembianza.
Ma seguane che puote: e in questo dire
280Dentro saltovvi. O memorando ardire!

XXXVI.


     Nè sotto l’arme già sentir gli parve
Caldo o fervor come di foco intenso:
Ma pur, se fosser vere fiamme o larve,
284Mal potè giudicar sì tosto il senso:
Perchè repente, appena tocco, sparve
Quel simulacro, e giunse un nuvol denso
Che portò notte e verno: e ’l verno ancora,
288E l’ombra dileguossi in picciol’ora.

XXXVII.


     Stupido si, ma intrepido rimane
Tancredi: e poi che vede il tutto cheto,
Mette sicuro il piè nelle profane
292Soglie, e spia della selva ogni secreto.
Nè più apparenze inusitate e strane,
Nè trova alcun fra via scontro o divieto;
Se non quanto per se ritarda il bosco
296La vista e i passi, inviluppato e fosco.