Pagina:Gerusalemme liberata II.djvu/97

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

CANTO DECIMOTERZO. 81

XLI.


     Pur tragge alfin la spada, e con gran forza
Percuote l’alta pianta. Oh maraviglia!
Manda fuor sangue la recisa scorza,
324E fa la terra intorno a se vermiglia.
Tutto si raccapriccia, e pur rinforza
Il colpo, e ’l fin vederne ei si consiglia.
Allor, quasi di tomba, uscir ne sente
328Un indistinto gemito dolente;

XLII.


     Che poi distinto in voci: Ahi troppo, disse,
M’hai tu, Tancredi, offeso: or tanto basti.
Tu dal corpo, che meco e per me visse,
332Felice albergo già, mi discacciasti:
Perchè il misero tronco, a cui m’affisse
Il mio duro destino, anco mi guasti?
Dopo la morte gli avversarj tuoi,
336Crudel, ne’ lor sepolcri offender vuoi?

XLIII.


     Clorinda fui: nè sol quì spirto umano
Albergo in questa pianta rozza e dura:
Ma ciascun altro ancor, Franco o Pagano,
340Che lassi i membri a piè dell’alte mura,
Astretto è quì, da novo incanto e strano,
Non so, s’io dica in corpo, o in sepoltura.
Son di senso animati i rami e i tronchi,
344E micidial sei tu, se legno tronchi.