Pagina:Ghislanzoni - Abrakadabra, Milano, Brigola, 1884.djvu/241

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 239 —


vano delle affinità; ma gli uni dissentivano dagli altri nella scelta dei mezzi. Gli equilibristi volevano la rivoluzione immediata, micidiale, inesorabile; i naturalisti miravano a combattere gli abusi della intelligenza e della attività umana colla abolizione progressiva di ogni legge derivata dallo spiritualismo. Questi pretendevano di riformare l’umanità riconducendola ai principii naturali ed agli esercizii moderati della energia organica; quelli, allucinati ancora da un fatuo idealismo, si illudevano di poter raggiungere il benessere pubblico colla esagerazione delle utopie più fallaci.

Sì gli uni che gli altri si vantavano progressisti. Gli equilibristi procedevano sulla via dell’errore! i naturalisti recedevano verso il bene. Quale era il più savio dei partiti?

In sull’albeggiare del 18 ottobre, un grande strepito di tube egizie destò gli abitatori dell’agro. Era il giorno della grande, dell’ultima solennità bacchica. Al tripudio che ordinariamente si produce in un centro popoloso dall’aspettazione di grandiosi spettacoli, si univano questa volta le inquietudini e le ansie più che mai eccitate della passione politica. La lotta era finita il giorno precedente; si attendevano da un’ora all’altra i telegrammi annunzianti i nomi degli eletti. L’impazienza era febbrile. Milano, al quarto ed ultimo scrutinio generale, aveva eletto la sua triade definitiva rappresentata dall’Albani (spiritualista), dal Virey (naturalista) e da Antonio Casanova (equilibrista). A quale dei tre verrà deliberata la carica di Gran Proposto dell’Olona? Gli è ciò che i telegrammi annunzieranno fra poche ore.

Le belle pigianti al levar del sole son balzate dai loro letti di piume di cigno per gettarsi nella folla chiassosa che invade tutte le aree di spettacolo. Fanfare da trecento, da quattrocento e più suonatori irrompono dalle