Pagina:Gibbon - Storia della decadenza e rovina dell'Impero romano XII.djvu/273

Da Wikisource.

dell'impero romano cap. lxiii. 269

monte Tabor; e veramente dopo tant’altre assurdità ammesse, la ragione umana non dovette sdegnarsi dell’aggiunta anche di questa. Cataste di carte e di pergamene vennero imbrattate per registrarvi coteste dispute, e i settarj impenitenti che ricusarono sottoscrivere il nuovo Simbolo, andarono privi degli onori della sepoltura cristiana; ma fin dal principio del secolo successivo cotal controversia andò in dimenticanza, nè trovo che il ferro o il fuoco sieno stati posti in opera per estirpar l’eresia di frate Barlamo1.

[A. D. 1291-1347] Ho riserbata alla fine di questo capitolo la guerra de’ Genovesi, che scosse il trono di Cantacuzeno, e la debolezza dell’Impero fe’ manifesta. I Genovesi che occupavano il sobborgo di Pera, o di Galata, dopo la espulsione de’ Latini da Costantinopoli, riceveano questo onorevole feudo dalla bontà del Sovrano, il quale permettea loro regolarsi colle proprie leggi, e obbedire a Magistrati di lor gente, con che ai doveri di vassalli e di sudditi si sommettessero. Toltasi dai

    poi considerare che certe contemplazioni fatte da menti ad entusiasmo composte, danno alle menti stesse illusioni bene spesso vivissime; fanno traviare la ragione, perchè infiammano l’immaginazione, portandola a idee vane, ma ardenti, e ne vengono spesso anche visioni. (Nota di N. N.).

  1. V. Cantacuzeno (l. II, c. 39, 40, l. IV, c. 3-23, 24, 25) e Niceforo Gregoras (lib. XI, c. 10, l. XV, 3-7), gli ultimi libri del quale, dal diciannovesimo al ventiquattresimo, non riguardano che questo argomento sì rilevante. Boivin (Vit. Nicef. Greg.), seguendo i libri che sono stati pubblicati, e Fabrizio (Biblioth. graec. t. X, pag. 462-473), o piuttosto il Montfaucon, giovandosi de’ manoscritti della Biblioteca di Coislin, hanno aggiunti alcuni fatti e documenti.