Pagina:Giro del mondo del dottor d. Gio. Francesco Gemelli Careri - Vol. I.djvu/172

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
142 Giro del Mondo

questo fu fatto parimente il sepolcro a guisa di grotta nel vivo sasso, per sepellirvi il Re Giosasat. In mezzo al torrente Cedron (che non porta di presente acqua) sopra una pietra, si vede l’orma di nostro Signore, quando vi cadde, essendo portato legato. Rimontando sopra, fui a vedere i due archi della Porta Aurea, per la quale il giorno delle Palme entrò Cristo trionfando; però oggi è serrata, com’è detto di sopra. Dopo vespro, con l’occasione, che si aprì il santo Sepolcro, entrai a visitare tutti i Santuarj del medesimo.

Sentita di buon’ora la Messa Domenica 2. montai sopra uno de’ cavalli del Padre Proccuratore Generale, e presi la via di Bettania, accompagnato dal turcimanno, e da’ Frati. Fatto un miglio e mezzo sul monte, mi su mostrato il luogo, dove Cristo venendo dal Giordano, diede la maledizione al fico, del quale non resta memoria. Più avanti a destra si vede una gran muraglia, che dissero essere avzo della casa di Simon leproso, che convitò Cristo. Più in giù sopra la Città di Bettania, è il Castello di Lazaro, di cui rimane in piedi una muraglia larga 14. palmi, e soda come una rocca.


Sotto