Pagina:Giro del mondo del dottor d. Gio. Francesco Gemelli Careri - Vol. IV.djvu/342

Da Wikisource.
316 Giro del Mondo

chuen, sottili, e lunghe, che servono a’ letterati, e persone ricche, che vanno, e vengono dalla Corte. Hanno dentro le medesime una sala, un letto, una tavola, e sedie, per poter dormire, mangiare, studiare, scrivere, e ricever visite, con altrettanta comodità, come se fussero in casa propria. I marinaj se ne stanno alla prora; e’l padron della barca, colla sua moglie, e figli alla poppa, dove prepara il mangiare a chi toglie in affitto la barca. Queste ultime, con altre di diverse forme, appartengono a’ particolari, e sono quasi innumerabili.

Egli si è incredibile il numero di Zattere di tutte sorti di legna, che vanno per gli fiumi, e Canali della Cina; e se si legassero insieme, basterebbono a fare altro ponte, che quello di Serse. Si naviga alle volte fra queste Zattere (che si fanno anche di canne) più ore, e qualche volta mezza giornata; perche la mercanzia di legna è di molto spaccio, ed utile a’ mercanti. Vanno costoro a tagliarle nella Provincia di Su chuen sulle frontiere Occidentali della Cina; e poi le fanno condurre sulla riva del fiume Kian (detto da’ Cinesi, figlio del Mare, per essere il più grande dell’Imperio) che quindi entra


nel