Pagina:Giuseppe Grassi - Saggio intorno ai sinonimi della lingua italiana (1821).djvu/158

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
140

ed in altro luogo:
     » Attento si fermò com’uom che ascolta.»
Quindi si dice con vera proprietà di termini udir il rumore, udir.il tuono, udir il cannone, ascoltar la predica, ascoltar chi parla ecc. ecc. Capovolgete queste frasi, e farete un contrasenso, poichè non si ascolta il cannone, non si ascolta il tuono, e non si ode la predica. La sala d’un concerto musicale è frequente di uditori, un filosofo sulla cattedra ha molti ascoltatori.

Ascoltare ha poi una seconda significazione, derivata dalla primitiva, ed è quella di dar retta, seguire il consiglio, l’avviso altrui, poichè dalla retta intelligenza delle cose nasce la persuasione. Epperò il Redi adoperò elegantemente ne’ suoi consulti il passivo ascoltarsi per assecondare le proprie voglie in certi casi di malattia, seguire la natura, lasciarla operare. E non diciamo noi tutto giorno: figliolo ascolta i consigli del vecchio, ascolta i precetti della sapienza, quasi volendo dire segui que’ consigli, e que' precetti? I latini stessi, dai quali abbiamo tratto l’uno e l’altro vocabolo, ne stabilirono la differenza: «Auditis, non auscultatis, diceva Catone, tamquam pharmacopolam; ejus