Pagina:Giuseppe Grassi - Saggio intorno ai sinonimi della lingua italiana (1821).djvu/9

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

vii




LETTORE BENEVOLO







Reputo inutil cosa il dimostrare che l’efficacia d’ogni stile dipende necessariamente dalla schietta proprietà delle parole; una cantica dell’Alighieri, e poche pagine del Segretario fiorentino, perpetui esemplari d’ogni bel dire, ti profitteranno assai più di tutti quanti i precetti, che potrei venirti ripetendo: e se non fosse basso piato il lagnarsi della propria fortuna, soggiungerei che sento con te il rossore di queste frivole occupazioni gramaticali, e che assai più volentieri avrei dato mano ad un’opera, la quale mirando a più alto fine mostrasse pure, per quanto per me si fosse potuto, quelle qualità di stile, che meglio dagli esempj che dai precetti s’apprendono, se le triste condizioni di questa mia vita condannata a lavori affatto diversi da ogni letteratura m’avessero dato campo