Pagina:Gli amori pastorali di Dafni e Cloe.djvu/8

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ix

siamo, il quale in ogni sua parte veramente festinat ad eventum, ove che quello del Caro divaga, nè mira così dritto allo scopo, contenendo soltanto una serie d’azioni isolate, che poco o niente si riferiscono all’intreccio ed allo sviluppo di tutta la favola, che ha condotta ed unità, e non pecca tanto nel maraviglioso, nella complicazione degl’incidenti, e nel ricercato, come i più degli altri erotici romanzi greci.

Notò bene il Montégut che nel libro di Longo si mescolano la pastorale e la commedia mezzana; i campi e la città, e che i campi vi fanno miglior figura. Difatti i cittadini espongono i propri figli; i contadini raccolgono ed allevano gli altrui; i contadini lavorano ed ammassano; i cittadini vanno a rubare l’ammassato; Dorcone e Lapo eccedono nell’amar la Cloe; ma l’uno fa buona emenda, l’altro rapisce a buon fine; ma quel vile e sozzo parassito di Gnatone è un prodotto della città, e le sue sconce voglie fanno stupore nell’innocenza dei campi. Anche la Licenia è una Crezia rincivilita; ha imparato la corruzione in città. Che è mai quel Dionisofane comparato al vecchio Fileta, Nestore campagnuolo, e che mai quell’Astilo allevato in città al Dafni che per ventura fu esposto e tirato su tra i pastori, dalla cui vita e costumi non si sa dipartire fatto ricco e nobile? Longo ha certamente voluto mostrare il contrasto delle due vite, e non ebbe bisogno di andare in Germania come Tacito per far arrossire i romani, perchè i romani avevan corrotto anche i campi.