Pagina:Gli antichi statuti municipali di Montevarchi.djvu/26

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

dato che quando il comune di Montevarchi edificò il palazzo del potestà vi fece una stanza per le adunanze del Consiglio generale, degli operai di Fraternita e di tutti gli altri uffizi del comune, "acciocchè in quella dopo la congregazione degli uffizi non vi si faccia ragunate d’altri uomini con giuochi e altre baie", dispone che ne tenga la chiave il gonfaloniere e la tenga serrata, non dando ad alcuno la chiave meno che per le occorrenze delle adunanze.

Noto finalmente, a titolo di curiosità storica, che l’orologio pubblico a Montevarchi ci era prima del 1496, trovandosi nella riforma del 17 marzo marzo 1495 (1496 stile comune) affidato a Francesco di Biagio fabbro di Montevarchi l’incarico di temperarlo e mantenerlo in buone condizioni perchè vada bene e suoni ora per ora, assegnandogli l’annuo salario di 22 piccioli.

Jacopo Bicchierai