Pagina:Gli epigrammi le satire, il Misogallo di Vittorio Alfieri (1903).djvu/174

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
166 vittorio alfieri


EPIGRAMMA XI.

30 maggio 1793.

Gli Angli dichiaran Payn sedizioso;1
Legislator fra i Galli è proclamato:
Disparer non ci veggo. Anzi, più assai
L’Angli co’ Galli concordar bramoso,
Nel riconoscer Payn per Deputato
Del Concistoro Gallico cencioso,
(Profetizzando il ver, s’ei lo fu mai)
L’ha in effigie per tutto già impiccato.

SONETTO XXIV.

20 agosto 1793.

XV.                                    εἰ δὲ τοῦ χρόνου
Πρόσθεν θανοῦμαι, κέρδος αὔτ’ ἐγὼ λέγω.


Sofocle, Antigone, vers. 471.


Innanzi tempo il mio morir mi fora
Mero guadagno.


Orrido carcer fetido, che stanza
Degna è fra’ Galli al malfattor più infame,
Schiude il ferreo stridente aspro serrame,
E Donna entro vi appar d’alta sembianza.
D’innocenza la nobile baldanza
Schernir le fa l’empie servili trame;
Regina sempre; è trono a lei lo strame,
Su cui giacente ogni uom più forte avanza.
Tremar veggio ivi i pallidi custodi;
E tremare i carnefici, che il segno
Stanno aspettando dai tremanti Erodi.
Vedova, e Madre strazïata, pregno
Di morte il cor, del tuo morir tu godi,
Donna, il cui minor danno è il tolto Regno.



  1. Payne Inglese, Plebeo fazioso, e macchiato, che scrisse alcuni libri ignoranti, e sediziosi; eletto perciò dai Francesi per un dei lor Deputati.