Pagina:Gli sposi promessi I.djvu/116

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

capitolo v. - il tentativo. 97


«Via via, cugino,» interruppe D. Rodrigo «che il Signor Dottore è impaziente di dare egli una decisione questa volta.»

«Io decido e sentenzio,» disse il Dottore, «che le cene di Eliogabalo sarebbero vinte al confronto dei pranzi del nobile sig.r D. Rodrigo, e che la carestia non ardisce approssimarsi a questa casa 1 dove regna la splendidezza sua capitale nemica.»

Tutti fecero plauso al dottore e viva a D. Rodrigo; e tutti subito si misero a parlare della carestia. 2 Qui tutti furono 3 d’una sola opinione;4 ma il fracasso era forse più grande che se vi fosse stato disparere: giacché tutti esprimevano energicamente la stessa opinione con diverse frasi, ma 5 tutti in una volta. «Carestia,» diceva uno, «non c’è carestia: sono gli accapparratori, 6 birbanti. Impiccarli! dei buoni esempj, senza pietà. E quei birboni 7 impostori che 8 con un’aria 9 pietosa 10 hanno la sfrontatezza di dire che il pane è caro perché il raccolto è stato scarso, e che il grano manca! Impiccarli, impiccarli! sono i peggiori: tutte invenzioni per nascondere gli accapparramenti.» 11

«Hanno detto che non vogliono vendere finché un terzo degli abitanti non sia morto di fame e il frumento non costi cento lire al moggio. Oh scellerati! impiccarli!»

«Il grano c’è: questo è un fatto innegabile: e il mezzo è pronto: impiccare quelli che lo nascondono.»

«Dov’è tutto il male? nella carezza del pane: e chi lo vende caro? i fornaj: e per farli mutar vezzo, impiccarne uno o due.»

«Eh ci vuol altro che uno o due: sono tutti birbanti, col pelo sul cuore. Impiccarli, impiccarli!» Chi ha mai intesa e goduta 12 in una fiera di campagna, l’armonia che fa una truppa di cantambanchi, quando prima di spiegare i suoi talenti dinanzi al rispettabile pubblico, ognuno accorda il suo stromento, facendolo stridere più forte che può affine di poterlo sentire in mezzo al romore degli altri, che procura di non ascoltare, s’immagini che tale 13 fosse la conversazione di economia politica dei nostri commensali.

  1. posta in fuga dalla...
  2. Qui i voti di D. Rod
  3. d’accordo
  4. ed ognuno
  5. in un
  6. Sic.
  7. che
  8. con tant
  9. di
  10. vanno
  11. Sic.
  12. l’armonia che fa
  13. era il suono che
Manzoni, Gli sposi promessi. 7