Pagina:Gli sposi promessi I.djvu/28

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

introduzione 9

prefazioni, un picciolo1 e troppo giusto sfogo concesso alla vanità di chi ha fatto un libro: scrivo male a mio dispetto; e se conoscessi il modo di scriver bene, non lascerei certo di porlo in opera. I doni2 dell’ingegno non si acquistano, come lo indica il loro nome stesso; ma3 tutto ciò che lo studio, che la diligenza4 possono dare,5 non istarebbe certamente per me ch’io non lo acquistassi.

Che cosa poi significhi scriver bene non credo che alcuno possa definirlo in poche parole, e per me, anche con moltissime non ne verrei a capo. Ecco però alcune delle idee6 che mi sembra doversi intendere in quella formola.7 A bene scrivere bisogna8 sapere scegliere quelle parole9 e quelle frasi, che per convenzione generale10 di tutti gli scrittori e di tutti11 i favellatori (moralmente parlando) hanno quel tale12 significato:13 parole e frasi che14 o nate nel popolo,15 o inventate dagli scrittori, o16 derivate da un’altra lingua, quando che sia, comunque, sono generalmente ricevute17 e usate.18 Parole e frasi che sono passate dal discorso19 negli scritti senza parervi20 basse,21 dagli scritti nel discorso senza parervi affettate;22 e sono generalmente e indifferentemente adoperate all’uno e all’altro uso.23

Parole e frasi divenute per quest’uso generale ed esclusivo tanto famigliari ad ognuno, che ognuno (moralmente

  1. sfogo concesso
  2. naturali che fanno lo scrittore
  3. ciò
  4. che può dare
  5. farei certo in modo di acquistarlo
  6. io stimo
  7. Adoperare quelle parole [Per]
  8. sa|adoperare
  9. che per converso
  10. negli scritti e nei discorsi hanno quel tale senso:
  11. i parlanti
  12. senso
  13. vale a dire
  14. nate o nel po
  15. o introdotte da
  16. dedotte
  17. e adop
  18. Parole e frasi che sono passate dal
  19. nelle scritture
  20. triviali
  21. dalle scritture
  22. che
  23. Parole e frasi [che ognuno t] alle quali ognuno a forza di dirle e d'intenderle, di scriverle e di leggerle ha associato [quel significato|una idea] quella stessa idea, dimodoché l'idea st|moralmente parlando|Parole e frasi tanto famigliari [ad ognuno] che ognuno moralmente parlando