Pagina:Gli sposi promessi II.djvu/11

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

capitolo i. - digressione: la signora. 161


— Queste sono ciarle ; ma avete pensato che con questi stralci voi vi andate scemando sempre più il numero de’ lettori; e che se avrebbero potuto essere centinaja, sa il cielo se li conterete a dozzine?

— Voi mi ci fate pensare; ma, a dir vero, non 1 arrivo a sentire la forza di questo inconveniente.

— Ma voi volete privarvi volontariamente dei mezzi più potenti 2 di dilettare, di quei mezzi 3 che anche in mano della mediocrità possono talvolta produrre un 4 grande effetto?

— Se le lettere 5 dovessero aver per fine di divertire quella classe d’uomini che non fa quasi altro che divertirsi, sarebbero la più frivola, la più servile, l’ultima delle professioni. E vi confesso che troverei qualche cosa di più ragionevole, di più umano, e di più degno nelle occupazioni di 6 un montambanco che in una fiera trattiene con sue storie una folla di contadini: 7 costui almeno può aver fatti passare qualche momenti gaj a quelli che vivono di stenti e di malinconie; ed è qualche cosa. Ma, per non ingannarvi, avvertite che in tutte queste ciarle, che abbiam fatte finora, non abbiam detto nulla 8 o quasi nulla sul, fondo della quistione. Voi non lo avete toccato; 9 ed io sono rimasto, rispondendovi, in quella sfera 10 dove vi siete posto 11 abbiam ciarlato di fuori, come si usa. Che se volete veder qualche cosa sul fondo della quistione, 12 andate di grazia agli scrittori di cui abbiam fatto cenno: o pure pensateci un po' seriamente voi stesso.

— Pensarci ? Per giungere a queste 13 belle conseguenze? Sappiate che, 14 a porre insieme le idee di un Vandalo e d’una donnicciola... 15

— Sparisci; e torniamo alla storia.

Dove siamo? Il nostro autore non lo dice, anzi protesta di non volerlo dire. 16 Abbiam già 17 avvertito che delle due classi fra le quali era divisa la società al suo tempo,

  1. posso
  2. e più facon
  3. che possono [sup] talvolta tene
  4. pote
  5. [avessero | se le | p] avessero
  6. un buffone che in una fiera
  7. [poiché se scendendo egli può dire a se stesso di aver| poiché fa
  8. d
  9. [ed io rispondendovi nn po] ed io vi ho
  10. esteriore che voi
  11. abbiamo
  12. leggete
  13. questo bel risultato
  14. sa
  15. non ne uscirebbe un costrutto più strano...
  16. La sua solita circospezione raddoppia a questo punto
  17. detto
Manzoni, Gli sposi promessi. 11