Pagina:Gli sposi promessi III.djvu/125

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


CAPITOLO V • TOMO III. 491 e di abbominazione; i possessori che non lo vendevano, erano tiranni;1 quegli che lo comperavano per rivenderlo,3 mostri addirittura; i fornaj che ne facevano provvista, scel¬ lerati, che volevano ritirarlo dal commercio e imporgli il prezzo,3 che sarebbe piaciuto alla loro avidità.4 Che ognuno * provvedesse la quantità, che poteva essergli necessaria fino al raccolto, era cosa impossibile. Quindi se la popolazione avesse voluto o potuto rendersi un conto esatto delle sue idee e dei suoi desiderj, avrebbe trovato ch’ella voleva che il grano non fosse in nessun luogo. Il prezzo straordinario al momento stesso del raccolto, crebbe nell’autunno, crebbe straordinariamente al cominciare dell’inverno, e col prezzo crebbero] il fremito e il clamore del popolo ; il quale accusava già apertamente i magistrati di negligenza,anzi di conni¬ venza con coloro che lo affamavano. Non è però da dire che i magistrati non facessero dalla parte loro" molti spropositi; ma questi erano in numero e in grossezza ancora ben lontani dai desiderj e dalle richieste del popolo. Il maneggio delle cose 7 forza a riflettere anche quelli che sono più nemici della riflessione; e chi8 deve ope¬ rare o comandare direttamente,p scorge talvolta anche a mal suo grado, anche chiudendo gli occhi, l’impossibilità1" o l’as- • surdità d’un provvedimento, che è domandato con furore dai molti che lo stimano giusto, e lo credono agevole.11 Oltre di che 12 l’effetto immediato di quegli spropositi era di esa¬ cerbare la condizione universale: si sentiva crescere il male; 1 [quegli che] gli ammassatori scellerati, i fornaj che ne facevano provvista scellerati che volevano affamare | il ritirarlo dal commercio, e imporgli — 2 scellerati —3 Segno di richiamo, e a margine, in penna: «Proseguo nella mia arroganza: - il prezzo che sarebbe piaciuto alla loro avidità. Che volevasi adunque? Forse che ogni [famiglia] citta¬ dino si provvedesse di tutto il frumento necessario all'annuo consumo ? Idea troppo pazza per cadere in mente ad alcuno. Però, se la popola¬ zione avesse voluto o saputo rendersi un conto esatto delle sue idee, avrebbe trovato ch’ella voleva che il grano non fosse in nessun luogo : né presso i possessori di terre, né presso i mercanti, né presso i fornaj, né presso i consumatori. Frattanto che si declamavano spro¬ positi, il valore delle granaglie [si] andava aumentando. Il prezzo straordinario - » — 4 [Che ognuno provvedesse.] E siccome era impos¬ sibile che — e di — spropositi grossi e in gran numero, ma — 7 ob¬ bliga — 8 ha — 9 vede — ,0 d’un — li A margine, in penna: « - Ad ogni modo, l’effetto immediato di quegli spropositi de* magistrati era d’esa¬ cerbare - ecc. ». — 15 quegli spropositi non 492