Pagina:Gli sposi promessi III.djvu/148

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


GLI SPOSI PROMESSI per domandare se fosse possibile un po’ di passaggio, ac¬ cennando nello stesso tempo col vólto ch’egli veniva,’ per far cosa grata a quelli a cui domandava il passaggio. «Viva Ferrer! l’amico della povera gente! non abbia paura,* ella è un galantuomo!2 Vogliamo pane!». « Si, figliuoli, pane, pane ! abbondanza ! » rispondeva Fer¬ rer, ponendo la destra sul cuore, per dare la forza del giù- ramento alle sue parole. «Che cosa ha detto?» domandavano3 quelli che non erano vicini abbastanza, per intendere il suono delle parole. « Ha detto: pane ! abbondanza ! » ripetevano quelli, che 4 avevano inteso; e queste parole 5 girarono in un momento fino all’altra estremità della calca. «Ciarle! ciarle!»6 gridavano alcuni. «Viva Ferrer! è un galantuomo ! » gridavano altri. « Noi vogliamo Ferrer ! comandi Ferrer! morte ai birboni!» 7 « Si, figliuoli miei cari ! » diceva8 il0 vecchio, alzando la voce quanto poteva: «comanderò io: si farà giustizia: il pane a buon mercato. Intanto fatemi un piacere: datemi un po’ di passaggio. Vengo per10 mettere in prigione il vicario di provvisione ». Questa nuova parola fu pure trasmessa di bocca in bocca. < Si si: bravo! “ in prigione! » « No no ilo vogliamo morto! « No in prigione ! giustizia !» 12 « Largo ! largo ! » « Sono im¬ posture !13 chi l’ha da giudicare? Sono tutti d’una razza! «Via! via!» «Ferrer è un galantuomo ! in prigione!» 14 La proposta inaspettata del gran cancelliere aveva di¬ visi in un momento i pareri ,s e gli animi di quei comizj tempestosi, o, per dir meglio, aveva fatta scoppiare una di¬ visione, che già esisteva. Alcuni, o per una ebbrezza di fu¬ rore e di crudeltà, o per una fredda speculazione di anar¬ chia, volevano persistere nel proposito sanguinario; ma 10 i più, placati in parte e raddolciti da vedere che un alto ma¬ gistrato veniva a riconoscere la giustizia della loro causa, e a17 compirla legalmente, vinti dalla affezione che18 sentivano H va i le — ella —8 i più lontani. Ha detto pane ! abbondanza! --\N 4 erano pi — trasmesse di distanza in dist —0 dicevano — 7 fSi figli] Si si f — 8 Ferrer — y povero — 10 por — 11 giustizia ! — i5? Ferrer un galantuomo ! passo ! passo ! — 1:1 non lo condanne — 14 Irati (lacuna). 45 e gli animi di — 10 la maggior parte — 17 prò — 18 avevano CAPITOLO VI - TOMO HI. 515 jn quel momento pel vecchio Ferrer,1 commossi da quella sUa canizie e dal contegno supplice e carezzevole, che tanto3 piace alla moltitudine in un uomo,4 che le si è sempre mostrato in un aspetto di gravità e d’impero,, in¬ namorati anche dalla sicurezza animosa del vecchio, che non aveva dubitato di affrontare una tanta burrasca;6 gri¬ davano che gli si" facesse luogo, e che il vicario gli fosse rilasciato. Fermo era tra questi, e gridava a testai « prigione, giu