Pagina:Gli sposi promessi III.djvu/35

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


III. 401 poteva aver luogo in quella casa e fra quelle persone? quale principio generale di equità avrebbe potuto essere ' invocato da 2 coloro, che 3 non li conoscevano, nei rapporti con gli altri che li violavano tutti ? 4 E come mal avrebbe potuto aver ragione una volta quella che,5 servendo alle soperchierie, e rallegrandosene, rinunziava di fatto ad ogni principio di diritto, e nello stesso tempo non aveva forza alcuna, non aveva una minaccia per sostenere un diritto, quando il suo interesse la portasse a sentirlo e ad ammet¬ terlo? A tutte queste abitudini di servitù e di * annegazione perversa, si aggiungeva un sentimento, in origine migliore, che li rinforzava: il sentimento della riconoscenza. Avvez¬ za costei a 7 ricevere il suo sostentamento 8 dal Conte, rico¬ nosceva la vita come un dono della 9 volontà di lui,10 come un benefizio della sua potenza. E avvezza pure a riguar¬ darsi dalla infanzia come " cosa del suo signore,12 provava uncerto orgoglio di consenso perquellasua potenza, pel terrore ch’egli incuteva, le pareva di essere qualche parte di un sistema molto importante. La gioja orrenda ch’ella aveva provata tante volte nella sua vita 1:1 pel buòn successo delle imprese del Conte,14 gioja che 111 nasceva da tutti i sentimenti abituali che abbiamo descritti, l’avevano resa non Ir' indiffe¬ rente, ma 17 propensa ai patimenti altrui,-ed ella gli procu¬ rava con compiacenza,18 ogni volta che il timore del padro¬ ne, 18 le avesse permesso o consigliato di farlo. Bersaglio sovente degli strapazzi e degli scherni dei bravi, ella aveva imparato a tollerare,20 rodendosi quando non poteva ri¬ petere,21 ma 22 quelle poche volte che le 23 era lecito di stra¬ ziarli impunemente senza dispiacere del padrone,24 le usci¬ vano dalla bocca cose 2!’tanto argute, tanto profonde, tanto inaspettate, che il diavolo vi avrebbe trovato 26 da imparare. 1 esposto — 2 coloro — 3 li violavano — 4 E che poteva mai dire in favor suo (lacuna) — r> acconsentendo —abi — : riconoscere —

  • la sua vita dai benefi [da | dalla] a ricevere [come] la sua vita come

un dono dalle mani del Conte — 9 sua — 10 quell’amore di schiavo — 11 qualche — 12 sentiva — 13 pei successi — ,4 se non altro per — 1 veniva — 16 solo — 17 inclinata al male — 18 tutte le volte che — w glielo — 20 e a corrode — 21 ma ogni volta che — 22 ogni — 23 fosse — -■* ogni volta che le circostanze lo permettessero di far uso di quella autorità che invecchiando nel castello s’era acquistata, diceva — cosi —26 di che im Manzoni, Oli sposi promessi. 26 402 OLI SPOSI PROMESSI Intendete ora perché la vecch