Pagina:Gli sposi promessi III.djvu/85

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


se: I 6 Queste però, signor curato, non debbono essere le ultirtie nostre parole su questo affare. Sa il cielo come io avrei desiderato di tener con voi tutt’altro discorso !3 Siam vecchi entrambi: sa il cielo se m’è doluto di dover contristare c0n rimproveri questa vostra canizie;4 quanto 5 avrei voluto piuttosto racconsolarmi con voi delle nostre cure comuni, dei nostri guaj, al pensiero della beata speranza, alla’quale

  • jà già tocchiamo. ! La mezza notte è vicina: lo Sposo non

può tardare:'1 colmiamo d’olio le nostre lampade, 7 affinché non sieno estinte al suo arrivo. Riempiamo il nostro cuore di carità: essa sola è eterna;" essa sola" può raddolcire quel momento. Amiamo, e saremo forti; amiamo e le de¬ bolezze, che pur ci rimarranno, saranno coperte e perdonate. » Federigo fece ancora pausa a queste parole: D. Abbondio non ruppe il silenzio, ma il Cardinale vide ch’egli gli as¬ sentiva con l’animo,10 e continuò. « Il male avvenuto è irre¬ vocabile; ma non irreparabile:11 speriamo. Le sventure di quei due poveretti possono ancora tornare in loro bene, e in bene vostro. Chi sa quante occasioni Dio vi prepara di soccorrerli, 12 di divenir per essi un padre, di compensare il torto, che la vostra negligenza può loro aver fatto! Deh! non le lasciate sfuggire.i3 Deh! non indurite il vostro cuore; non 14 restituite loro, nelle occasioni, 15 l’amarezza che può avervi data 16 questa riprensione, che io v’ho fatta, sa il cielo, per amor vostro non meno che pel loro ! Pur troppo, 10 l’ho più volte esperimentato in questa difficile altezza : 17 11 debole che si richiama al superiore,18 che gli fa conoscere la sua ragione, che ottiene una giustizia, troppo spesso 1 n’ebbe in un punto — 2 ripigliò — 3 Siamo — 4 Ah — 5 mi sareb¬ be —6 [teni] colmiamo — 7 di quell’olio — * in quel momento — * radd 10 Segno di richiamo, e a margine, in penna: «Mi par necessario indi¬ care che D. Abbondio assentiva coll’animo, come si assente ogni volta che odansi cose di cui non è permesso dubitare, di cui non si dubita : ed allo stesso tempo come un uomo pusillanime il quale non osi viaggiare di notte quando intenda un altr’uomo dirgli:-chi ha paura di tutto la campa male a questo mondo, perché non può fare i fatti suoi con alacrità, disinvoltura, e serenità d’animo - . » —-1* io spero — 12 di ajuti — 13 non indù — 14 [rovesciate] riman¬ date — 15 quella — 16 la mia — 17 quando — 18 della 452