Pagina:Goethe - Werther, 1873, trad. Ceroni.djvu/173

Da Wikisource.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca

werther. 167

soluto vigore alla prima invasione del morbo, resistere con fermezza alle prime seduzioni della mente, alle prime vertigini del cuore, perchè la nebbia poco a poco si dilegui, e il sole della ragione trionfi, all’ultimo, delle insidiose apparenze del sofisma. Direi, insomma, che la febbre acuta è l’assassino, il quale sbuca all’improvvista e t’uccide, senza darti il minimo segno, senza usarti misericordia, senza accordarti respiro; laddove il suicidio è un ladro galante, che ti bussa all’uscio della camera, e ti chiede licenza prima di derubarti gli averi.»

Crollai allora il capo e venni ad un caso particolare. Rammentai ad Alberto il fatto d’una po-