Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/226

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
172 ATTO PRIMO


Ludro. Me feu vu, sior Momolo, la sigurtà che nol vaga via?

Momolo. Chi xela ela, sior, se xe lecito de saverlo? (a Silvio)

Silvio. Silvio Aretusi è il mio nome ed il mio cognome1. Ed ho una lettera di trecento zecchini sopra un banchiere, di che ora vi farò vedere la verità.

Momolo. No la s’incomoda altro. Conosso alla ciera la zente onesta; i forestieri me fa peccà, e in sto caso ghe son sta anca mi qualche volta. Sior Ludro, vardeme mi. Ve fazzo la piezaria; e se sto sior no ve paga, vegnì doman a sta istessa ora da mi, e troverè i vostri trenta zecchini.

Ludro. Me maraveggio. Sior Momolo xe patron de tutto. Doman vegnirò da ela.

Momolo. Lasseve veder ancuo a qualche ora, che v’ho da parlar.

Ludro. Co2 la comanda, sior Momolo; ghe son servitor. Patron reverito, a un’altra più bella. Se sta volta l’ho servida mal, un’altra volta la se referà. (a Silvio, e parte)

SCENA X.

Silvio, Beatrice, Momolo.

Silvio. Signore, vi sono bene obbligato, che anche senza conoscermi abbiate voluto liberarmi da una simile vessazione.

Momolo. Gnente, signor. I galantomeni xe obbligai a far dei boni offizi, co i pol.

Beatrice. È bene un birbonaccio colui. Fa torto alla vostra patria.

Momolo. Prima de tutto, si ben che el parla Venezian, mi no so de che paese che el sia; ma quando che el fusse anca de sta città, la vede ben, tutto el mondo è paese; dei boni e dei cattivi per tutto se ghe ne trova. A Venezia, generalmente parlando, e se ama e se stima assae el forestier, ma ghe xe qualche persona tressa3, ghe xe dei dretti che vive sull’avantazo, come se trova per tutto el mondo, e specialmente in ti paesi grandi.

  1. Ed. Zatta: Silvio e il mio nome, ed Aretusi il mio cognome.
  2. Quando. [nota originale]
  3. Di cattivo costume. [nota originale]