Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/236

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
182 ATTO PRIMO


Smeraldina. Eh gnente, caro fio1, lasselo dir, che el xe matto.

Truffaldino. Gierimo qua che discorrevimo tra de nu, come che avemo da far sta mattina a comprar da disnar; nè mi, nè mia sorella no gh'avemo un soldo.

Lucindo. (L’intendo il briccone, ma io non ho niente da dargli). (da sé)

Smeraldina. Lasse che el diga, no ghe bade. Per grazia del cielo e de le mie fadighe, el nostro bisognetto el gh’avemo.

Truffaldino. Via donca, dame d’andar a spender.

Smeraldina. Vustu taser, tocco de desgrazià?

Truffaldino. Vedela, sior? no la ghe n’ha un per la rabia, e no la se degna de domandar. Mi mo son un omo tutto pien de umiltà, me favorissela mezo ducato in prestio, che ghe lo restituirò, quando che me marido?

Lucindo. Ve lo darei volentieri, ma in tasca non ne ho presentemente.

Truffaldino. No gh’ave bezzi in scarsella? e vegnì in casa dei galantomeni senza bezzi in scarsella?

Smeraldina. Voleu taser, o voleu che ve serra fora de la porta? (a Truffaldino)

Lucindo. Caro amico, compatitemi; sapete che sono un figlio di famiglia.

Truffaldino. I fioli de fameggia no i va in te le case de le putte con sta libertà. Con che intenzion vegniu da me sorella, patron?

Smeraldina. Debotto ti me fa andar zo co fa Chiara matta2.

Truffaldino. Tasè, siora, che mi son el fradelo, e a mi me tocca a defender la reputazion de la casa.

Lucindo. Io non intendo pregiudicarvi.

Truffaldino. La se contenta de andar via de qua.

Lucindo. Così mi scacciate?

Smeraldina. E mi voggio che el staga qua.

Truffaldino. Se no l’anderà via per la porta, el butterò zo dei balconi.

Lucindo. Soffro le vostre insolenze per rispetto di Smeraldina.

  1. Modo di dire affettuoso.or
  2. Pazza, nota in Venezia, che soleva strillare per le strade.or