Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/258

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
204 ATTO SECONDO


Smeraldina. Un padedù! Cossa xelo sto padedù?

Momolo. Un ballo figura col compagno, con tutti i so passi che ghe voi, e col so bel pantomimo.

Smeraldina. E el pantomimo cossa vorlo dir?

Momolo. Le azion mute che se fa in tela introduzion del ballo, e anca in tei ballo istesso; cosse concertae tra l’omo e la donna, che za, per el più, da l’udienza no se capisse una maledetta.

Smeraldina. E mi mo le saveroggio far?

Momolo. No ve indubitè gnente. Tra el ballarin e mi ve insegneremo pulito; e co avè impara un per de padedù, ghe ne podere far cento, che za i xe tutti compagni. Per esempio, vegnirè fora colla rocca filando, o con un secchio a trar dell’acqua, o con una vanga a zappar. El vostro compagno vegnirà fora, o colla cariola a portar qualcossa, o colla falce a taggiar el gran, o colla pippa a fumar, e siben che la scena fusse una sala, tanto e tanto se vien fora a far da contadini o da marineri. El vostro compagno no ve vederà: vu anderè a cercarlo, e lu ve scazzerà via. Ghe battere una man su la spalla, e lu con un salto l’anderà da l’altra banda. Vu ghe corerè drio: lu el scamperà, e vu anderè in colera. Quando che vu sarè in colera, a lu ghe vegnirà voggia de far pase, el ve pregherà, vu lo scazzerè; scamperè via, e lu ve corerà drio. El se inzenocchierà, fare pase: vu, menando i penini, l'inviderè a baiar; anca elo, menando i pie, el dirà balemo, e tirandove indrio allegramente scomenzerè el padedù. La prima parte alegra, la segonda grave, la terza una giga. Procurerè de cazzarghe drento sie o sette delle meggio arie da ballo, che s’abbia sentio; farè tutti i passi, che savè far, e che sia el padedù o da paesana, o da zardiniera, o da granatiera, o da statua, i passi sarà sempre i medesimi, le azion sarà sempre le istesse: correrse drio, scampar, pianzer, andar in colera, far pase, zirar i brazzi sora la testa, saltar in tempo e fora de tempo, menar i brazzi e le gambe e la testa e la vita e le spalle, e sora tutto rider sempre col popolo, e storzer un pochetto el collo co se passa arente i lumini, e far delle belle smorfie all’udienza, e una bella