Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/260

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
206 ATTO SECONDO


Smeraldina. Sior no...

Truffaldino. Siora sì. (va nella stanza suddetta)

Smeraldina. (Oh poveretta mi!) (da sè)

Momolo. Coss’è, siora, che vegnì verde? Gh’aveu qualche contrabando là drento?

Smeraldina. Me maraveggio dei fatti vostri. Cossa songio? Una poco de bon?

Truffaldino. La favorissa, patron. (uscendo dalla stanza suddetta, parla con Lucindo)

Smeraldina. Con chi parleu? (a Truffaldino)

Truffaldino. La resta servida. No la staga là drento solo; la vegna co i altri in conversazion.

Momolo. Come! Sior Lucindo? A mi sto tradimento?

Lucindo. (Esce timoroso, e saluta Momolo).

Smeraldina. Qua, sior Lucindo? Sconto in casa mia, senza che mi sappia gnente? Che baronada xe questa? Farme comparir in fazza de sto galantomo per una busiara? Ande via subito de sta casa, e no abbiè ardir de vegnirghe mai più. Animo digo; con chi parlio? O andè via, o che ve butto zo della scala. (lo spinge via, e spingendo gli dice piano): (Va via, caro,) e torna sta sera).

Truffaldino. Animo, fora de sta casa onorata.

Lucindo. (Senza parlare saluta, e se ne va).

Momolo. (Me la vorli pettar?) (da sè)

Smeraldina. Sior Momolo, no credo mai che pensè... che mi sappia... Proprio sento che me vien da pianzer. (piange)

Momolo. Brava, adesso digo che deventerè una ballarina perfetta. Capisso tutto; so benissimo che savevi che l’amigo ghe giera, ma la maniera co la qual l’avè manda via me fa cognosser che de mi gh’ave, se non amor, almanco un poco de suggizion. Questo xe quel che me basta; da vu altre no se pol sperar gnente de più, e un cortesan de la mia sorte cognosse fin dove el se poi comprometter. Dipenderà da vu el più e el manco, che m’averò da impegnar a farve del ben. Regoleve in causa. Stassera ve manderò el ballarin.

Truffaldino. L’abito, lustrissimo sior protettor.