Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/277

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

L'UOMO DI MONDO 223


Momolo. Sior sì, ghe vago qualche volta.

Dottore. Per amor del Cielo, vi supplico, vedete di far in modo che mio figliuolo non ci vada, che non si precipiti.

Momolo. Lassè far a mi, ve prometto che noi gh’anderà.

Dottore. Ma non vorrei per allontanar Lucindo, che v’impegnaste voi con la donna.

Momolo. No, no; son anzi in caso de disimpegnarme.

Dottore. Caro signor Momolo, abbiate a cuore la vostra riputazione.

Momolo. Con un poco di tempo le cosse anderà pulito.

Dottore. Pensate a maritarvi.

Momolo. Ghe penserò, chi sa che no me rissolva?

Dottore. Ma prima, ehi, in confidenza, pensate a cambiar vita.

Momolo. Certo che bisognerà...

Dottore. Vi raccomando l’affare di mio figliuolo. (parte)

Momolo. Noi xe sta a disnar a casa, poi esser benissimo che el sia dall’amiga, e che la cara siora Smeraldina scomenza a far el mestier della ballarina colle scondariole. Vôi andar subito, e se lo trovo... Gran obbligazion che gh’ho co sto sior Dottor! a bon conto pagherò sta piezaria, per no far dir de mi da quel desgrazià. Un cortesan onorato xe stimà da tutti; e anca in miseria, co no s’intacca la pontualità, se poi dir a tutti l’anemo soo, e no xe mai perso tutto, co resta el capital dell’onor. (parte)

SCENA VI.

Camera di Smeraldina, con tavola apparecchiata per mangiare e lumi.

Smeraldina e Lucindo.

Smeraldina. Stemo un poco in allegria tra de nu. Magnemo un bocconcin in pase; za sior Momolo de sera no vien.

Lucindo. Non vorrei che capitasse quel diavolo di vostro fratello.

Smeraldina. Se el vegnirà, lo sentiremo. Lasse far a mi, che lo farò taser. Via senteve, e magnemo. (siedono)

Lucindo. Che dirà vostro fratello, se ci vede mangiare?