Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/279

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

L'UOMO DI MONDO 225


Truffaldino. La diga, cara madama, chi gh’ha insegnà la maniera de trattar?

Smeraldina. E cussì? Cossa diressi? Sior Lucindo ha portà una cenetta, e se la magnemo.

Lucindo. Compatite, se mi sono presa una tal libertà.

Truffaldino. No me lamento che abbiè porta la cena; me maraveggio che se magna senza de mi.

Smeraldina. Via, senteve, e magnè anca vu.

Lucindo. Caro amico, non vi prendete collera.

Truffaldino. Co vegnirè co ste bone maniere, no dirò gnente. Se patron de casa a tutte le ore. Animo, che se magna, che se beva e che se staga allegramente.

Smeraldina. Mio fradelo pò el xè de bon cuor.

Truffaldino. Co se tratta de ste cosse, ghe stago. (si mette a mangiare)

SCENA VIH.

Momolo e detti.

Momolo. Bravi, pulito, me ne consolo.

Lucindo. Povero me! (si alza)

Smeraldina. (Si alza, subito che lo vede) Vedeu, sior Momolo, le belle bravure de mio fradelo? Nol vol in casa sior Lucindo; e pò per una strazza de cena, el lo fa vegnir a mio marzo despetto. Gh’ho una rabbia maledetta. Vedeu, siori, per causa vostra sior Momolo crederà che sia una finta, una busiara; credeme, sior, da putta da ben, mi no ghe n’ho colpa. (a Momolo)

Momolo. Sì, fia mia, ve lo credo. So che se una putta schietta e sincera. Vardè che baronade! Poverazza! Far vegnir la zente, che ghe despiase co fa el zucchero ai golosi. Lassemo andar sti descorsi, che no conclude; sior Lucindo, v’ho da parlar.

Lucindo. Caro signor Momolo, vi prego di compatirmi.

Momolo. Per mi ve compatisso e stracompatisso. Son omo de sto mondo anca mi, e so cossa che poi sta sorte de musi su la povera zoventù.

Smeraldina. Coss’è, sior? cossa voressi dir?