Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/281

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

L'UOMO DI MONDO 227


Lucindo. Capisco che l’interesse vi fa parlare così, e se in voi prevale l’interesse all’amore, penso anch’io a’ casi miei e stabilisco di non precipitarmi per cagion vostra. Signor Momolo, vi prego, accomodatela voi con mio padre; farò tutto quello ch’egli vorrà.

Momolo. Ande là; aspetteme al caffè, che vegno. Ve menerò mi da vostro sior padre, e la giusteremo.

Lucindo. Addio, Smeraldina.

Smeraldina. Bon viazo.

Lucindo. (Che crudeltà! Era pur pazzo io a coltivarla). (da sè.)

Smeraldina. (Me despiase; ma bisogna dissimular). (da sè)

Lucindo. Se ci vengo più, mi si scavezzi l’osso del collo, (parte.)

SCENA IX.

Momolo e Smeraldina.

Smeraldina. Bravo, avè fatto ben. (a Momolo) (Za gh’ho speranza che el toma). (da sè)

Momolo. Vedeu se so far? Ho visto che Lucindo ve vegniva a insolentar, che no lo podè veder, che ve preme el vostro Momolo, e ho trovà la maniera de cazzarlo via. (Ti te inganni, se ti credi che no te cognossa). (da sè)

Smeraldina. Sto ballarin i’aveu gnancora trovà?

Momolo. Ho parla con diversi, ma tutti m’ha dito che butterò via el tempo, che spenderemo dei bezzi e no faremo gnente.

Smeraldina. Per cossa?

Momolo. Perchè per prencipiar a imparar a ballar, ghe vol zoventù, e vu gh’averè i ossi duri.

Smeraldina. Vardè che sesti! Songio qualche vecchia? no gh’ho gnancora disdott’anni.

Momolo. Colla fodra.

Smeraldina. De botto me fè vegnir suso el mio mal.

Momolo. No, cara colona, no ve instizzè, che vegnirè verde.

Smeraldina. Se no imparo a ballar, cossa donca voleu che fazza? imparerò a cantar.