Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/314

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
260 ATTO PRIMO


Truffaldino. Mi no so alter. L’è tanti anni ch’el fattor me comanda, e no conosso e no vôi conosser altri patroni che lu.

Momolo. E mi no ti me cognossi per gnente?

Truffaldino. Gnente affatto.

Momolo. Se te comando, no ti me vol ubbidir1?

Truffaldino. Missier no.

Momolo. Sastu che te posso cazzar via?

Truffaldino. Co no me cazza via el fattor, mi no gh’ho paura.

Momolo. Ti me faressi vegnir suso el mio caldo.

Truffaldino. Mi no me n’importa un bezzo.

Momolo. Tiò, temerario. (gli dà uno schiaffo)

Truffaldino. Zitto, che ghe lo vago dir2 al fattor. (parte)

SCENA VIII.

Momolo solo.

Certo, nissun me stima; tutti cognosse el fattor; questo vuol dir perchè ghe lasso troppa libertà a sto sior, e un de sti zorni el me fa da paron anca a mi; ma no so cossa dir; son avvezzo cussì, me comoda sto devertirme senza pensar a gnente. Trappola xe un omo che sa far pulito, e co gh’ho bisogno de bezzi, el li trova. Xe vero che da qualche tempo in qua el me li fa un pochetto penar, ma el farà per tegnirme in fren. Adesso per altro son in tun3 gran impegno, se vien sta signora che aspetto. S’ha da spender, s’ha da farse onor, e senza Trappola saria desperà.

SCENA IX.

Vedesi arrivare un hurchiello con varie persone, e si sentono alcune voci di barcaruoli, che gridano per arrivare, ad uso di quelli che navigano per la Brenta; poi sbarcano Clarice, Leandro, Ottavio. Momolo va ad incontrarli, poi Brighella.


Momolo. Eccoli, eccoli, allegramente. Son qua, son qua a servirla.

Ottavio. Servidore umilissimo del signor Momolo. (scendendo in terra)

  1. Così Zatta; Paperini: obbedir.
  2. Zatta: ghe lo vago a dir.
  3. Tun o t’un: da te un, con te pleonastico.