Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/316

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
262 ATTO PRIMO


Clarice. Dunque sarò venuta qui per andare a letto? Per tutto questo, me ne poteva stare a Venezia.

Momolo. No hala dito, che la se voi repossar?

Clarice. Certo che a star qui in piedi mi trovo scomoda.

Momolo. Andemo; la se lassa servir. (vuol darle il braccio)

Leandro. Non s’incomodi. (le dà egli il braccio)

Clarice. Signor fratello, andiamo. (ad Ottavio)

Ottavio. Eccomi, signora sorella. (le dà l’altro braccio)

Clarice. Favorite, signor Momolo. Vogliamo godere la vostra conversazione. (parte con Leandro ed Ottavio)

Momolo. Me par anca mi, che i me voggia goder.

Brighella. Sior padron, ho paura che la voggia spender mal i so bezzi.

Momolo. N’importa, siora Clarice xe una donna prudente. Animo, fè portar in terra la so roba e domandè ai barcarioli, se el burchiello xe paga.

Brighella. Benissimo. (No se pol andar in rovina co manco gusto). (si accosta al burchiello)

Momolo. El fradelo e el zerman. Del fradelo pazenzia; el zerman me despiase un pochetto de più. L’ho fatta vegnir qua per aver libertà de dirghe el mio cuor, e chi sa se gnanca ghe poderò parlar? Pussibile che i ghe staga sempre taccai? Pussibile che no possa arrivar a saver se la me vol ben, e a cavarghe de bocca se la se vol maridar?

Brighella. Signor, dis el paron, che no i l’ha paga, ma che l’è d’accordo con uno de quei signori e che i lo pagherà.

Momolo. Sì, si, el sarà d’accordo col zerman. Quanto gh’hali da dar?

Brighella. Do zecchini del nolo, e po el cavallo, el remurchio, la bona man1.

Momolo. Ho capio. Tolè, deghe sti tre zecchini e che i vaga a bon viazo.

Brighella. La varda che quei siori no se n’abbia per mal.

Momolo. Eh via, caro vu, che no savè gnente. I xe vegnui per mi e a mi me tocca a pagar. Ande là, destrigheve.

  1. Zatta: e la bonaman.