Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/327

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

IL PRODIGO 273


quell’anello.... Ma apponto ghe l’aveva esibio a siora Clarice, e la m’ha dito che ghe lo tegna in deposito. N’importa gnente, se va ben sto negozio, ghe ne comprerò uno da una piera sola, spenderò tre o quattro mile ducati. Ghe farò veder chi son. E a sto sior zerman ghe farò veder, se gh’ho cuor da spender, se so trattar co le donne. Un pochetto de fortuna che gh’abbia, Momolo no ghe la cede a nissun. (parte)

Fine dell’Atto Primo.