Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/336

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
282 ATTO SECONDO


Truffaldino. De quei zecchini non ho gnanca visto la stampa.

Colombina. Dimmi, Truffaldino, stimi più sei zecchini o una donna che ti vuol bene?

Truffaldino. Segondo le congiunture. Qualche volta la donna, e qualche volta i zecchini.

Colombina. Ma vedi bene che i zecchini si spendono, e la donna resta sempre.

Truffaldino. Certo che sarave meio che restasse sempre i zecchini, e che la donna fenisse presto.

Colombina. Perchè dici questo?

Truffaldino. Perchè la donna magna, e i zecchini i dà da magnar.

Colombina. Bravo! spiritoso! Dunque capisco, che di me non ci pensi, e mi lascieresti per il danaro.

Truffaldino. Punto e virgola. Mi non ho inteso de parlar de ti.

Colombina. Hai parlato delle donne: non sono io una donna?

Truffaldino. Ti è una donna? Mi ho sempre credù, che ti sii una putta.

Colombina. Certamente sono fanciulla, sono una putta.

Truffaldino. Donca...

Colombina. Dunque capisco che tu parli con innocenza, e non voglio formalizzarmi delle tue parole. Tieni questa chiave.

Truffaldino. Cossa hoi da far de sta chiave?

Colombina. Devi aprir il granaio ed aiutare a trasportare il grano in un altro luogo1.

Truffaldino. No so se ti sappi un patto tacito, che ho fatto tra mi e el fattor, quando che son vegnù a servir in sta casa.

Colombina. E qual è questo patto tacito?

Truffaldino. De lavorar solamente co ghe n’ho voia.

Colombina. Questo lavoro non lo devi far per il fattore, ma per me solamente.

Truffaldino. El gran, ela roba toa?

Colombina. Sì, è roba mia, e deve servire per la mia dote, e se Truffaldino farà capitale di me...

  1. Così Zatta; Paperini ha loco.