Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/344

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
290 ATTO SECONDO


e si raccoglie esser tutto vero ciò che ci fu narrato nel viaggio da persone che vi conoscono, e che hanno di voi compassione. So che vi parlo con una libertà soverchia, che non può piacervi, ma la mia sincerità non mi consiglia di simulare, e mi permetterete che vi dica per ultimo, che stimo il vostro merito, che apprezzo la vostra casa, che ho dell’inclinazione per amare la vostra persona, ma che mi ributta il vostro costume, e che ormai non vi credo più meritevole nè di amor, nè di stima. (parte)

Ottavio. Mia sorella ha scritto la lettera, ed io cordialmente ed amorosamente la sottoscrivo. (parte)

SCENA IX.

Momolo solo.

Momolo. Hoggio avanza qualcossa a far fin adesso da generoso? Rimproveri, strappazzi, villanie da tutti. Ma sti rimproveri che i me dà, da cossa vienli? da amor. Se i vien dall’amor, donca i xe fondai sulla rason, e la rason conclude che fin adesso m’ho porta mal, e che buttando via in sta maniera, in vece de farme merito me son andà facendo ridicolo. Oh, quante volte che ho dito anca mi da mia posta, me vol regolar, vôi tegnir a man, no vôi buttar via; ma co son in te le occasion, no me posso tegnir. Se se pol far con quattro, no son contento se no spendo diese. Me par che tutto sia poco, me par de no farme onor, se no fazzo più del bisogno. Orsù, dopo tante lizion, che me xe sta fatto, quella de siora Clarice me tocca più delle altre, e digo e stabilisso e protesto de volerme regolar meggio, e de no spender per l’avvegnir un soldo, quando che el m’abbia da incomodar. Siora Clarice me pol, la xe una donna prudente, una donna de garbo; vôi coltivarla, cercar de darghe in tel genio, e obbligarla in modo che, se ghe offerisso la man, no la me diga de no. Vôi far de tutto per farme merito, trattarla ben, con proprietà, con assiduità, con amor; sti quattro zorni, che la sta con mi, ser