Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/388

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


e difensore insieme contro i critici, o mal persuasi, o male inclinati. Ciò inteso con mio diletto, e non senza una ragionevole vanità, cercai di essere più minutamente informato intomo alla persona che di tanto volle onorarmi. Non erami ignoto l’illustre nome della Famiglia de’ Castracani, reso assai piii glorioso dal rinomato Castruccio Lucchese, il quale nelV anno 1313, favorendo la fazione de’ Gihellini contro quella de’ Guelfi, si rese padrone di Lucca e di Pistoja, e n’ebbe l’investitura con titolo di Duchea da Luigi IV Duca di Baviera ed Imperatore, onorato altresì dell’illustre grado di Senatore Romano. Era egli pure (siccome abbiamo dal Sabellico, dal Machiavelli, e più elegantemente da Aldo Manuzio) della Famiglia antichissima degli Antelminelii, e Voi traete da lui direttamente l’origine, per uno de’ quattro Figliuoli maschi rimasti dopo di esso, e per le guerre della Toscana, e per le varie peripezie di quel secolo, trapiantati altrove in progresso di tempo, onde in Fano, città preclara e antichissima, è annoverata la Vostra Casa fra le più nobili e le piti rinomate. L’illustre ed egregio Genitore %)ostro, il quale portando il nome venerabile di Castruccio, conserva nella Famiglia la memoria di un s) grande antenato, ha uniti ai fregi del proprio sangue quelli non meno chiari e sublimi della Romana stirpe Capranica, legandosi in matrimonio colla Nobilissima Dama la Signora Contessa Donna Lucrezia Capranica, la quale, se fu involata al mondo con universale cordoglio nel fiore degli anni suoi, lasciò di se gloriosa memoria, registrata e nelle stampe, e nei bronzi, e in Voi Signore, principalmente, degno Figliuolo di una sì saggia, di una sì amabile Genitrice. In fatti cercando io avidamente dalle persone che vi conoscono il carattere Vostro particolare, e quali sieno le virtù che Vi adornano, tante me ne furono in vantaggio Vostro descritte, e sì ammirabile ritratto di Voi mi fecero e lingue e penne rispettabili, ingenue, che mi hanno colmato di maraviglia e di consolazione insieme. Chi mi dipinse la X)ostra persona gentile, amabile nel conversare; chi V animo X)oslro mi appalesò alla pietà, alla cortesia inclinato; chi della Vostra erudizione parlando, mi assicurò che nelV età giovanile in cui Vi trovate, numerosissime sono le scienze che pos@