Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/429

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


per no fenirme de precipitar. M’ave dito falio, gh’ave rason. Son andà in desordene per diversi motivi, ma tra questi ghe xe anca la rason delle male paghe; i prepotenti della vostra sorte xe quelli che rovina i poveri botteghieri; volè far da grandi col nostro sangue, e a forza de far scriver su i libri, e de prometter e no pagar, ridusè i mercanti a falir. Ma se al marcante se ghe dise falio co noi poi pagar, cossa se ghe ha da dir a un par vostro, che fa i debiti per no pagar? Sior conte, in confidenza, che nissun ne sente, el xe un robar bello e bon.

Silvio. A me questo?

Pantalone. A vu, sior; e se gh’ ho cuor de dirlo, gh’ ho anca cuor de mantegnirvelo, se bisogna.

Silvio. Orsù, vedo che la disperazione in cui siete vi fa uscir di voi stesso, ne voglio perdere il mio decoro con un uomo capace di ogni più vii debolezza.

Pantalone. Mi capace de viltà? Mi capace de debolezze?

Silvio. Sì, voi che avete avuto il coraggio di ripetere da una donna trenta zecchini, dopo di averglieli regalati.

Pantalone. Chi v’ ha dito sta cossa?

Silvio. Clarice istessa, che si burla di voi.

Pantalone. Me par impussibile che la me possa trattar cussi mal, dopo quel che ho fatto per eia. Se poderave dar che sior conte avesse suppià sotto, per un poco de rabbia de no aver podesto far elo quello che ho fatto mi. l trenta zecchini ghe li ho imprestai. Xe ben vero che aveva animo de donargheli, ma adesso che so cussi, li voggio se credesse de precipitar.

Silvio. Farete un’ azione da vostro pari.

Pantalone. Cossa vorla dir, patron? la se spiega.

Silvio. Non occorre che d’avvantaggio mi spieghi. Intendetela come volete; imparate per 1’ avvenire a trattar le donne di merito, ed a cozzarla co’ pari miei. Ecco il fine che vi si doveva. La signora Clarice di voi si ride, e fa la stima che dee farsi della mia protezione.

Pantalone. Ghe voi altro che protezion! i voi esser bezzi.