Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/468

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Smeraldina. Così è in coscienza mia.

Leandro. Vedo che la signora Vittoria ha compassione di Sme- raldina; se le capitasse occasione di maritarsi, le si potrebbe donare quanto ella dice avere del nostro.

Smeraldina. Oh, che siate mille volte benedetto! Con queste buone massime il cielo non vi abbandonerà.

Brighella. Se Smeraldina volesse, el partido no saria lontan. Se cognossemo che è qualche tempo.

Smeraldina. Sì, caro Brighella, se mi volete, non dico di no.

Vittoria. Via, Smeraldina, fa ancor tu quello che ha fatto la tua padrona.

Smeraldina. Brighella, dammi la mano.

Brighella. Son qua: tiò la man, e andemo a far la revista della dota.

Dottore. Ma in casa nostra Smeraldina non ci sta più.

Vittoria. Vedi, Smeraldina, il bel concetto che ti sei fatta? Per 1 avvenire vivi con maggior cautela, dove puoi temere di qualche frode: che se questa volta ti è andata bene, non ti riuscirà sempre con egual felicità.

Smeraldina. Oh signora, non vi è pericolo che prenda mai più cosa alcuna da chi si sia.

Pantalone. Saldi ai propositi, che no i rompemo. Che n’ ho fatto anca mi, e pur troppo, con mio dolor e con mia vergogna, appena fatti ho manca. Questo vien dal modo de farli, o dalla causa che li fa far. Co se dise, voi far del ben, in tempo che no se poi far del mal, se fa presto a tornar a far mal, co no se xe più in necessità de far ben. Un marcante che ha falio per poco giudizio, fina che el xe in desgrazia, el pensa a remetterse; co l’ è remesso, el cerca la strada de tornar a falir. Cossa voi dir sto desordene? Voi dir che i omeni no cognosse el ben, se no quando che i se trova in miseria, e che per umiliar i superbi xe necessario che la providenza del cielo li awilissa, li confonda, e che succeda a chi no gh’ ha cervello quel che me xe successo anca a mi. Fine della Commedia.