Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/485

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LA DONNA DI GARBO 429


ATTO PRIMO.

SCENA PRIMA.

Rosaura e Brighella.

Rosaura. Sì, Brighella, voglio appagarvi. La bontà che avete avuta per me, la vostra fedeltà e il debito ch’io vi professo, m’obbligano a darvi questa soddisfazione. Sono pronta a svelarvi l’esser mio, e per qual cagione mi sia dalla mia patria involata.

Brighella. Veramente son sta un omo troppo facile a introdurve per serva qua in casa dei mii padroni, senza saver prima chi fussi. M’ha piasso la vostra idea e ho volesto crederve1, tanto più che ve se impegnada de dirme tutto. Ve prego mo no ingannarme, e più tosto che dirme qualche filastrocca, seguite a taser che me contento.

  1. Ed. Bettinelli: M’ha piasso la vostra idea, e quantunque sappia, che per el più le Donne han el cuor diverso dal volto, ho però volesto crederle ecc.