Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/590

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
532

tempo, con tanta prontezza e celerità, pare l’eccesso della furberia. Ma ecco appunto quel ch’io dissi a principio del carattere di Truffaldino: sciocco allor che opera senza pensamento, come quando lacera la cambiale; astutissimo quando opera con malizia, come nel servire a due tavole comparisce.

Se poi considerar vogliamo la catastrofe della Commedia, la peripezia, l’intreccio, Truffaldino non fa figura di Protagonista, anzi, se escludere vogliamo la supposta vicendevole morte de’ due amanti, creduta per opera di questo Servo, la Commedia si potrebbe fare senza di lui; ma anche di ciò abbiamo infiniti esempi, quali io non adduco per non empire soverchiamente i fogli; e perchè non mi credo in debito di provare ciò che mi lusingo non potermi essere contraddetto; per altro il celebre Moliere istesso mi servirebbe di scorta a giustificarmi.

Quando io composi la presente Commedia, che fu nell’anno 1745, in Pisa, fra le cure legali, per trattenimento e per genio, non la scrissi io già, come al presente si vede. A riserva di tre o quattro scene per Atto, le più interessanti per le parti serie, tutto il resto della Commedia era accennato soltanto, in quella maniera che i Commedianti sogliono denominare a soggetto; cioè uno Scenario disteso, in cui accennando il proposito, le tracce, e la condotta e il fine de’ ragionamenti, che dagli Attori dovevano farsi, era poi in libertà de’ medesimi supplire all’improvviso, con adattate parole e acconci lazzi e spiritosi concetti. In fatti fu questa mia Commedia all’improvviso così bene eseguita da’ primi Attori che la rappresentarono, che io me ne compiacqui moltissimo, e non ho dubbio a credere che meglio essi non l’abbiano all’improvviso adornata, di quello possa aver fatto io scrivendola. I sali del Truffaldino, le facezie, le vivezze, sono cose che riescono più saporite, quando prodotte sono sul fatto dalla prontezza di spirito, dall’occasione, dal brio. Quel celebre eccellente Comico, noto all’Italia tutta pel nome appunto di Truffaldino (a)1 ha una prontezza tale di spirito, una tale abbondanza di sali e naturalezza di termini,

  1. (a) Antonio Sacchi1
    1. Nota aggiunta nell'ed. Pasquali.