Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/597

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

IL SERVITORE DI DUE PADRONI 539


una sorella... No so gnente. I gh’ha dà una ferìa e el xe restà sulla botta.

Brighella. Elo successo a Turin sto fatto? (a Pantalone)

Pantalone. A Turin.

Brighella. Oh, povero signor! Me1 despiase infinitamente.

Pantalone. Lo conossevi2 sior Federigo Rasponi? (a Brighella)

Brighella. Siguro che lo conosceva. So stà a Turin tre anni e ho conossudo anca so sorella. Una zovene de spirito, de corazzo3; la se vestiva da omo, l’andava a cavallo e lu el giera innamorà de sta so sorella. Oh! Chi l'avesse mai dito!

Pantalone. Ma! Le disgrazie le xe sempre pronte. Orsù, no parlemo de malinconie. Saveu cossa che v'ho da dir, missier Brighella caro? So che ve diletè de laorar ben in cusina. Vorave che ne fessi un per de piatti a vostro gusto.

Brighella. La servirò volentiera. No fazzo per dir, ma alla mia locanda tutti se contenta. I dis cusì che in nissun logo i magna, come che se magna da mi. La sentirà qualcossa de gusto.

Pantalone. Bravo. Roba brodosa vedè, che se possa bagnarghe drento delle molene de pan. (si sente picchiare) Oh! I batte. Varda chi è, Smeraldina.

Smeraldina. Subito. (parte, poi torna)

Clarice. Signor padre, con vostra buona licenza.

Pantalone. Aspettè; vegnimo tutti. Sentimo chi xe.

Smeraldina. (torna) Signore, è un servitore di un forestiere che vorrebbe farvi un’imbasciata. A me non ha voluto dir nulla. Dice che vuol parlar col padrone.

Pantalone. Diseghe che el vegna avanti. Sentiremo cossa che el voi.

Smeraldina. Lo farò venire. (parte)

Clarice. Ma io me ne anderei, signor padre. Pantalone. Dove?

Clarice. Che so io? Nella mia camera.


  1. Paper. e Bettin.: me ne.
  2. Paper., Bettin. e Savioli scrivono conoscevi.
  3. Savioli: corazo.