Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/599

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

IL SERVITORE DI DUE PADRONI 541


Pantalone. Sto forestier chi xelo? Come se chiamelo?

Truffaldino. Oh, l'è longa. L’è el sior Federigo Rasponi Turinese, el me padron, che la reverisse, che l’è vegnù a posta, che l'è da basso, che el manda l’ambassada, che el voria passar, che el me aspetta colla risposta. Ela contenta? Vorla saver altro? (a Pantalone. Tutti fanno degli atti di ammirazione) Tornemo a nu. (a Smeraldina, come sopra)

Pantalone. Mo vegnì qua, parlè co mi. Cossa diavolo diseu?

Truffaldino. E se la voi saver chi son mi, mi son Truffaldin Batocchio, dalle vallade de Bergamo.

Pantalone. No m’importa de saver chi siè vu. Voria che me tornessi a dir chi xe sto vostro patron. Ho paura de aver strainteso.

Truffaldino. Povero vecchio! El sarà duro de recchie. El me padron l’è el sior Federigo Rasponi da Turin.

Pantalone. Ande via, che sé un pezzo de matto. Sior Federigo Rasponi da Turin el xe morto.

Truffaldino. L’è morto?

Pantalone. L’è morto seguro. Pur troppo per elo.

Truffaldino. (Diavol! Che el me padron sia morto? L’ho pur lassà vivo da basso!) (da sè) Disì da bon, che l’è morto?

Pantalone. Ve digo assolutamente che el xe morto.

Dottore. Sì, è la verità; è morto; non occorre metterlo in dubbio.

Truffaldino. (Oh, povero el me padron! Ghe sarà vegnù un accidente). (da sè) Con so bona grazia. (si licenzia)

Pantalone. No volè altro da mi?

Truffaldino. Co l’è morto, no m’occorre altro. (Vôi ben andar a veder, se l'è la verità). (da sè, parte e poi ritorna)

Pantalone. Cossa credemio che el sia costù? Un furbo, o un matto?

Dottore. Non saprei. Pare che abbia un poco dell’uno e un poco dell’altro.

Brighella. A mi el me par piuttosto un semplizotto. L’è bergamasco, no crederia che el fuss un baron.

Smeraldina. Anche l'idea l’ha buona. (Non mi dispiace quel morettino). (da sè)