Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1907, I.djvu/618

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
560 ATTO PRIMO

SCENA XIV.

Truffaldino solo, poi il Facchino col baule.

Truffaldino. Ho gusto da galantomo, che no se vada via. Ho volontà de veder come me riesce sti do servizi. Vôi provar la me abilità. Sta lettera, che va a st’alter me padron, me despias de averghela da portar averta. M’inzegnerò de piegarla, (fa varie piegature cattive) Adess mo bisogneria bollarla. Se savess come far! Ho vist la me siora nona, che delle volte la bollava le lettere col pan mastegà. Voio provar. (tira fuori di tasca un pezzetto di pane) Me despiase consumar sto tantin de pan; ma ghe voi pazenzia. (mastica un po' di pane per sigillare la lettera, ma non volendo, l' inghiotte) Oh diavolo! L’è andà zo. Bisogna mastegarghene un altro boccon. (fa lo stesso e l'inghiotte) No gh’è remedio, la natura repugna. Me proverò un’altra volta, (mastica, come sopra. Vorrebbe inghiottir il pane, ma si trattiene e con gran fatica se lo leva di bocca) Oh, l’è vegnù. Bollerò la lettera. (la sigilla col pane) Me par che la staga ben. Gran mi per far le cosse pulito! Oh, no m’arecordava più del facchin. Camerada, vegnì avanti, tolì su el baul. (verso la scena)

Facchino. (col baule in spalla) Son qua, dove l’avemio da portar?

Truffaldino. Portel in quella locanda, che adess vegno anca mi.

Facchino. E chi pagherà?

SCENA XV.

Beatrice, che esce dalla locanda, e detti.

Beatrice. È questo il mio baule? (a Truffaldino)

Truffaldino. Signor sì.

Beatrice. Portatelo nella mia camera. (al facchino)

Facchino. Qual eia la so camera?

Beatrice. Domandatelo al cameriere.

Facchino. Semo d’accordo trenta soldi.

Beatrice. Andate, che vi pagherò.

Facchino. Che la fazza presto.