Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/125

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

I DUE GEMELLI VENEZIANI 119

Arlecchino. (Oh che matto, nol me cognosse.) (da sè, ridendo)

Tonino. Anemo, digo, diseme cossa che volè da mi.

Arlecchino. (Fa qualche atto di bravura.)

Tonino. Adesso vederemo chi xe sto bravazzo. (metle mano alla spada)

Arlecchino. Alto, alto: fermeve: no me cognossì? (si scopre)

Tonino. Chi seu? Mi no ve cognosso.

Arlecchino. Come! no me cognossì?

Tonino. Sior no, no ve cognosso.

Arlecchino. (Stè a veder che l’aria della città l’ha fatto deventar matto). (da sè)

Tonino. Voleu dirme chi sè? cossa che volè?

Arlecchino. Diseme1: avi bevù? (ridendo)

Tonino. Manco confidenza, che ve taggio i garetoli2.

Arlecchino. Donca no me cognossì?

Tonino. Sior no, no ve cognosso.

Arlecchino. Adess me cognosserì3. Tolì sta roba: me cognossì ve4? (gli dà un baulelto con delle gioie)

Tonino. (Gran belle zogie! Coss’è sto negozio?) (da sè)

Arlecchino. E cussì? Me cognossìve?

Tonino. Sior no, no ve cognosso.

Arlecchino. No? Adess me cognosserì5. Tolì sti bezzi. Me cognossìve? (gli dà una borsa con denari)

Tonino. (Una borsa de bezzi?) (da sè) Sior no, no ve cognosso.

Arlecchino. Oh maledettissimo, no me cognossì? Tolì sta valise, e me cognosserì.

Tonino. Con tutta sta valise mi no ve cognosso.

Arlecchino. Siu matt6, o imbriago?

Tonino. Matto o imbriago sarè vu. Ste zogie e sti bezzi no la xe roba mia: son galantomo e no la voggio. Tiolè, e portela de chi la xe.

Arlecchino. Me maraveggio de vu: quella l’è roba vostra. Le zogie, i bezzi, la valise l’è quel che m’avi consegna da portarve, e mi fedelmente ve l’ho porta. Disim, dove seu allozà.

  1. Bettin.: disème.
  2. Garetoli, poplite, o sia parte posteriore del ginocchio.
  3. Così Savioli e Zatta; Bettin. e Paperini e altri: conosserè.
  4. Bettin. e Paperini: conossive.
  5. Bettin. e Paperini: conosserì.
  6. Zatta: Seu matto.