Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/539

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LA BUONA MOGLIE 529

SCENA VI.
Momola e dette.

Momola. Siora padrona, le pezze xe calde.

Bettina. Vegno, vegno. Vien qua, vissere mie. (leva il bambino di culla) Vardè, se nol fa vogia? Vardèlo che loco! Tute el mio Pasqualin. Tuto so pare. Tiò, siestu benedio. (lo bacia)

Catte. Via, che ti l’ha basà che basta.

Bettina. Ti no ti sa cossa che sia amor de fioi; perchè no ti ghe n’ha mai abuo. Oh che amor che xe quelo de mare!

Catte. Cara ti, dime una cossa. A chi ghe vustu più ben? A to mario, o a to fio?

Bettina. A tuti do.

Catte. Ma a chi ghe ne vustu più?

Bettina. No so.

Catte. Se ti avessi da perder uno de lori, chi perderessistu più volentiera?

Bettina. Senti, sorela, dei fioi come questo ghe ne poderia aver dei altri, ma dei marii come Pasqualin no ghe ne troverave mai più. (parte)

SCENA VII.
Catte e Momola.

Catte. Oh che bela mata! Momola, cossa distu de sti spropositi che dise la to parona?

Momola. Mi, siora, no me n’intendo. (adirata)

Catte. Xestu in colera co mi?

Momola. Varè: subito andarghe a dir che m’avè visto al balcon!

Catte. Te n’hastu abuo per mal? No ghe dirò più gnente. Fa quel che ti vol: no te dubitar.

Momola. Anca mi, grama puta, me devertisso un puoco. Stemo sempre qua serae.

Catte. Dì, Momola, fastu l’amor?