Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/561

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LA BUONA MOGLIE 551


ch’el troppo amor che gh’ave per el vostro mario, ghe filasse el lassoa, e lo fasse deventar più cattivo.

Bettina. Mi de Pasqualin no me posso lamentar.

Pantalone. Cossa vol dir che no gh’avè el vostro bisogno, e che ogni zorno bisogna che ve manda da disnar?

Bettina. Ogni zorno la dise? Xe da poco in qua solamente. Pasqualin, coi bezzi che la gh’ha dà, l’ha compra de la roba per tornarla a vender; adesso nol gh’ha bezzi, per questo nol me ne dà.

Pantalone. Coss’halo compra de belo?

Bettina. Mi no so i fati soi.

Pantalone. Bettina, Bettina, vu lo volè coverzer, ma mi so tutto.

Bettina. El saverà più de mi.

Pantalone. Faressi meggio a tornar a casa mia.

Bettina. Se ghe vien mio mario, ghe vegno anca mi.

Pantalone. No lo voggio più quel furbazzo. Per un anno el xe sta bon, e savè quanto ben che ghe voleva. Co l’ha scomenzà a praticar, el m’ha rotto el scrigno, el m’ha porta via la roba de casa; e per no sentirme a criar, l’ha volesto cavarse de casa mia. L’ho lassa andar, sperando ch’el fasse giudizio, e ha parso ch’el se drezzasse un pocheto. Gh’ho dà mille ducati da negoziar, ma i dise che debotto nol ghe n’ha più. No voggio, sti quattro zorni che ho da star a sto mondo, reduserme a domandar la limosma per causa soa. Se vu volè vegnir, sè parona, ma lu no certo.

Bettina. Se nol vien elo, gnanca mi seguro.

Pantalone. Ben, starè mal tutti do.

Bettina. Pazienzia. El xe mio mario, bisogna che staga con elo.

Pantalone. Anca se nol ve dasse da magnar?

Bettina. Anca s’el me fasse morir da1 fame.

Pantalone. Anca s’el ve bastonasse?

Bettina. Anca s’el me copasse.

  1. È secondare uno alla sua rovina.
  1. Sav., Zatta: da la.