Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/573

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

LA BUONA MOGLIE 563

Pantalone. No, vecchio, ve rengrazio. Piuttosto, se volè che ve ne paga una grossa, lo farò volentiera.

Arlecchino. La me farà grazia; la beverò a la prosperità de la so decrepitezza.

Pantalone. Disè quel che volè, che no ghe penso. Tiolè, questa xe una lirazza1, ma feme un servizio, diseme se qua ghe giera Pasqualin mio fio.

Arlecchino. Se el ghe giera, no vol miga dir se el ghe xe?

Pantalone. Mo no certo.

Arlecchino. Donca nol ghe giera.

Pantalone. Quel tabaro de chi xelo?

Arlecchino. El me par el tabaro de sior Pasqualin.

Pantalone. Donca Pasqualin giera qua.

Arlecchino. El qua va ben; ma l’è quel giera che no va ben.

Pantalone. Ma cossa hoggio da dir?

Arlecchino. Disè quel che volè, che no m’importa gnente.

Pantalone. Mi ve domando de mio fio.

Arlecchino. E mi ve respondo de vostro fio.

Pantalone. Xelo sta qua a disnar con vu?

Arlecchino. Sior no: mi son sta a disnar con elo.

Pantalone. Donca ave disnà insieme.

Arlecchino. Insieme.

Pantalone. Donca el giera qua.

Arlecchino. E mi ve digo che nol giera qua.

Pantalone. Ma vu dove aveu disnà?

Arlecchino. Mi ho disnà qua.

Pantalone. E ave disnà con mio fio?

Arlecchino. Ho disnà con vostro fio.

Pantalone. Donca mio fio giera qua.

Arlecchino. Donca vostro fio no giera qua.

Pantalone. Mo va là, che ti xe un gran alocco.

Arlecchino. Mo andè là, che sè un bel aseno.

Pantalone. Te compatisso, perchè ti xe un tocco de matto. Vien qua, e respondeme a ton. Mio fio ha disnà qua.

  1. Moneta veneziana che vale 30 soldi. [nota originale]