Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1908, II.djvu/584

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
574 ATTO SECONDO

Catte. Serva sustrissima.

Ottavio. Buon giorno, siora Catte.

Catte. Cossa fala? Stala ben? Cessa fa la so zentildona?

Ottavio. Bene, bene; tutti bene.

Catte. Me consolo tanto. In veritae, lustrissimo, ch’el gh’ha una ciera ch’el fa vogia.

Ottavio. Volete sedere?

Catte. Quel che la comanda.

Ottavio. Prendetevi una sedia.

Catte. Son un poco straca, no digo de no. Sia benedio sti zentilomini cussi degnevoli. Ghe ne xe de quei che xe rusteghi, che no i se degna de dir gnanca bestia. I crede de farse stimar, e i fa pezo. Nualtri ordenari stimemo più chi ne tratta più ben.

Ottavio. Che buone nuove mi date della nostra Bettina? (getta dal sacchetto i ducati e fa strepito)

Catte. Oh quanti bezzi! Oh che bei ducati!

Ottavio. Ah! che ne dite? Sono belli?

Catte. I consola el cuor. Ma mi i me xe stai sconti.

Ottavio. Perchè?

Catte. Perchè no ghe n’ho mai uno.

Ottavio. E così che nuove mi date di Bettina?

Catte. Bettina xe una mata, ostinada come una mussa.

Ottavio. Non ne vuol saper niente?

Catte. Se la savesse quante ghe n’ho dito: me son tanto inrabiada, che so vegnua via; ha bisognà che vaga dal spizier a bever de l’acqua de tuto cedro, e ho speso un da vinti. Ghe son andada a parlar tante volte, che ho fruà un per de scarpe. Sta matina in tel vegnir via de mia sorela, avemo criao per causa de vussustrissima, ho intacà col zendà bon in t’un chiodo, e gh’ho fato tanto de sbrego1.

Ottavio. Mi dispiace di tutte queste disgrazie. Bettina dunque non vuol ch’io vada a farle una visita?

  1. Strappo, sdrucio.